Category

Traina / Trolling

La traina dalla barca, detta anche trolling, si pratica utilizzando esche vive trainate a bassissima velocità, oppure esche artificiali, trainate a velocità più elevata, intorno ai cinque nodi.
Data la grande varietà di predatori insidiabili con questa tecnica, il panorama delle esche artificiali idonee è, di conseguenza, altrettanto variegato per forma e grandezza. Si va dalle “unghiette” perlacee di qualche centimetro dedicate alla traina di superficie ai piccoli pelagici, ai grossi octopus siliconici rivolti alla cattura di tonni e rostrati, o alle imitazioni di pesce trainate in prossimità del fondo per insidiare dentici e cernie.
I mulinelli utilizzati sono esclusivamente rotanti dedicati, e le canne sono generalmente corte, e robuste in relazione alla mole dei pesci ricercati.
Tipiche esche della traina col vivo sono le aguglie ed i calamari, che devono essere preventivamente catturati e slamati con cura, prima di finire nella vasca che li terrà in vita per il tempo debito.
A tal proposito è importante disporre di un buon ossigenatore e di un ricambio d’acqua che siano idonei al mantenimento della vitalità delle esche.